Cambiamenti climatici – Approccio 3

 

Resistenza e resilienza microbica in risposta alla siccità estrema

Il susseguirsi di periodi asciutti ed umidi nel suolo possono avere un forte impatto sulle comunità microbiche, modificando la resilienza dei processi, mediati dalle comunità microbiche stesse, in riposta a eventi di siccità. Campioni di suolo raccolti in foreste monospecifiche e miste sono incubati in microcosmi nell’ecotrone europeo a Montpellier e soggetti ad eventi di siccità estrema, e seguente periodo di ricarico idrico (bagnatura del suolo). Valutiamo la resistenza e la resilienza di processi microbici in risposta alla siccità e le relazioni con la diversità microbica e delle specie arboree, mediante misure dell’attività microbica, misurando flussi di CO2 e N2O prima e dopo gli eventi di siccità e dopo il ricarico idrico del suolo.

 

Resistenza e resilienza degli ecosistemi alla siccità estrema

In un esperimento condotto in un mesocosmo all’ecotrone europeo a Montpellier (16 unità, ciascuna di 1m2 di superficie e 1 m di profondità di suolo), manipoliamo la diversità funzionale della fauna del suolo per testare le risposte dell’ecosistema ad eventi di siccità estrema. L’uso dei mesocosmi dell’ecotrone ci permette di testare gli effetti interattivi dell’incremento della diversità funzionale del suolo e la siccità estrema sull’ecosistema a livello di flussi di acqua e CO2 e di valutare la resistenza dell’ecosistema alla siccità.

 

 

Effetti interattivi del cambiamento climatico e del variare della diversità arborea

Con un terzo approccio mirato sugli effetti interattivi tra biodiversità e cambiamento climatico, usiamo due esperimenti (piantagioni) di diversità arborea che combinano gradienti di ricchezza di specie arboree con trattamenti di cambiamento climatico, ovvero l’esperimento ORPHEE (in Francia, trattamento con irrigazione per evitare la siccità arborea) e FORBIO (in Belgio, con una esclusione delle precipitazioni del 30%). Misuriamo la diversità della fauna del suolo in soprassuoli forestali monospecifici e misti per valutare gli effetti interattivi potenziali della diversità arborea e il cambiamento climatico sulla diversità e funzionalità degli organismi del suolo.

 

I commenti sono chiusi.