Biodiversità – Approccio 1

 

Diversità dei microrganismi eterotrofi e delle micorrize del suolo

Con una esaustiva valutazione della diversità microbica del suolo, in soprassuoli forestali monospecifici e misti, valutiamo se la ricchezza di specie e la diversità microbica del suolo sono correlate tra loro, utilizzando approcci molecolari (sequenziamento di ultima generazione).

 

Diversità della fauna del suolo

Utilizzando le comune tecniche di campionamento in campo, misuriamo la diversità e l’abbondanza dei micro- e macro-artropodi del suolo, dei lombrichi e dei nematodi per stabilire possibili relazioni tra la diversità delle specie arboree e la diversità della fauna del suolo. Grazie alla disponibilità di database di tratti funzionali, è studiata la struttura funzionale delle comunità della fauna del suolo e le loro relazioni con la diversità funzionale degli alberi.

 

Caratteristiche delle radici fini

Quantifichiamo i tratti funzionali delle radici fini e la loro organizzazione spaziale all’interno del profilo di suolo a livello di alberi adiacenti tra loro, dove il sistema di radici di alberi vicini interagisce. Questo ci permetterà di valutare la nicchia sotterranea occupata dalle radici fini degli alberi come funzione della tassonomia e della diversità funzionale delle specie arboree e determinare se e come le caratteristiche delle radici fini sono correlate alla diversità di altri organismi del suolo.

 

Relazioni tra indici di diversità epigea e ipogea

Tutti i dati di biodiversità del suolo dei sei gruppi di organismi saranno usati per valutare in modo approfondito le relazioni tra biodiversità epigea e quella ipogea, con approcci multivariati. Relazioni ed ipotesi emergenti saranno ulteriormente testate utilizzando modelli di equazioni strutturali (SEM).

I commenti sono chiusi.